Crozza nei panni del senatore Razzi spiega la bomba in Corea!

Dopo la lunga sosta natalizia riparte il talk show a sfondo politico di La7, infatti ieri 12 Gennaio 2016 è andata in onda la prima puntata del nuovo anno del programma condotto da Giovanni Floris "DiMartedì". Naturalmente la scaletta è rimasta sempre uguale quindi la copertina è stata affidata nuovamente all'esilarante Maurizio Crozza. In questo video ascolterete integralmente il suo divertente monologo.

Il comico genovese dopo quello che è accaduto la scorsa settimana in Corea del Nord ha commentato la situazione rivestendo i panni di Antonio Razzi. Ironicamente secondo il senatore Kim Jong-un, il dittatore coreano, non ha fatto quel gesto per cattiveria, anzi è una persona per bene a cui ci si può stringere la mano. Infatti la sera per passare il tempo e per stare lontano dalla moglie, si reca in cantina e sgancia qualche bomba qua e là, infatti le cantine nascono perché nessuno si fa gli affaracci propri.

Dopodiché Crozza fa un intervento sul caso di Quarto, in maniera sempre scherzosa dubita che Di Maio e Fico non sapessero cosa stava succedendo. Se ne erano al corrente, dovrebbero secondo il comico, mettersi davanti allo specchio e mandarsi a quel paese loro stessi. Inoltre afferma nel nostro Paese se abbiamo dei problemi seri con i clan mafiosi ce la prendiamo con i clandestini. Infine conclude con questa frase: "Proporrei il reato di italianità. Quando un italiano nasce si dona un bell'avviso di garanzia".
Autore calogero82
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!