Crozza: Renzi voleva parlare di trivelle invece è stato trivellato!

Anche questa settimana, il 5 Aprile 2016 in prima serata su La7 nella trasmissione di Giovanni Floris "DiMartedì", il comico Maurizio Crozza ha curato la copertina satirica iniziale. In questo video ascolterete i passi più salienti del monologo.

Il comico ligure ha preso di mira immediatamente il Premier Matteo Renzi sul suo intervento alla riunione del Partito Democratico e lo ha fatto in questo modo: "Renzi voleva parlare di trivelle ed è finito trivellato, Cuperlo è diventato il Gary Cooperlo della minoranza". Poi ribadisce che l'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi attaccava solo i giudici comunisti mentre Renzi attacca tutti, non conoscendo il comunismo e sparando nel mucchio.

Dopodiché il comico genovese affronta la spinosa questione della Total dicendo che la Boschi è stata interrogata come persona informata sui fatti mentre la Guidi è costretta dimettersi perché infognata dai fatti. Poi Paragona Renzi allo zio Michele di Avetrana che si addossato tutte le colpe, poi si domanda come ha fatto il Premier a sostituire Berlinguer con Marchionne e Bandiera Rossa con Tempa Rossa.

Infine Maurizio Crozza dà il colpo di grazia a Renzi con le seguenti parole spinose: "Renzi fosse quel marito che torna a casa ubriaco con le scarpe in mano e però, nel buio, finisce per distruggere casa, svegliando la moglie, mentre noi italiani siamo come quella moglie".

Autore calogero82
Vota questo articolo
Guarda
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!