E tu... Sai come usare la parola "Petaloso"?

È bastata la delicata fantasia di un bambino di terza elementare per svegliare l'interesse dell'Accademia della Crusca.
Sembrerebbe che da qualche giorno il vocabolario della lingua italiana si potrebbe arricchire di una nuova parola, inventata dal piccolo Matteo, durante una lezione a scuola sugli aggettivi, che l'ha inventata ed usata per descrivere un fiore.
E come potrebbe essere un fiore se non "petaloso"?

Le parole nuove per essere inserite nel dizionario della lingua italiana non devono essere conosciute se non dalla persona che l'ha inventata, ma nello stesso tempo tante persone la devono usare e soprattutto capire. La devono usare nel linguaggio di tutti i giorni e la devono usare proprio per descrivere qualcosa. Quindi per capire meglio di cosa stiamo parlando e soprattutto per capire meglio quando, e come, dobbiamo usare al meglio la parola "petaloso", guardiamo insieme questo video divertente.

Si tratta di un filmato simpatico che dura appena 45 secondi ma che in pochi passaggi ci spiega nella maniera più semplice e chiara possibile, quando poter usare questa nuova parolina. Pochi esempi et voilà il gioco è fatto.

Le margherite ad esempio sono fiori che possono essere definibili "petalosi", riguardo invece ai papaveri non possono essere definiti molto "petalosi". Questo è quanto ha dichiarato il piccolo Matteo ed è facile capire cosa voglia dire. Ma noi...siamo petalosi o no? In quale occasione possiamo definirci tali?
Autore Topolino
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!